Pagine

martedì 28 maggio 2013

Fobie

Ecco alcune fobie che racconto di avere per rendermi più interessante agli occhi della gente:

  • paura degli scaldabagno (boilerfobia);
  • paura di slogarmi la mandibola sbadigliando (dopo i pasti sbadiglio come un orso);
  • timore di pronunciare male i titoli dei film in inglese (prima di andare al cinema mi ascolto attentamente la pronuncia nel trailer originale o su google translator, al massimo poi la risolvo dicendo SALA 3!);
  • terrore di trovare uomini nudi in giro per casa (in particolare sotto il letto, nella cesta della biancheria o piegati in due nel cassettone del comò);
  • paura di trovarmi bloccato (sotto il letto o chiuso nella cesta della biancheria o piegato in due nel cassettone del comò) mentre ho delle donne nude che girano per casa;
  • paura di prendere una ginocchiata nei coglioni mentre abbraccio e/o bacio una persona (traumogonadofobia).

10 commenti:

  1. Ok, però secondo me funziona più la sfida. Esempio: Ho vinto la mia paura degli scaldabagno a 3 anni, combattendo eroicamente in vasca con me stesso, mentre la spia rossa dell'acqua calda mi fissava senza pietà.

    :)

    RispondiElimina
  2. Non è che ho capito tanto la penultima eh....ma la terza fa ridere assai :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la penultima mi sembrava chiara: ho delle donne nude che girano per casa e io sono chiuso nel comò.

      Elimina
  3. Io ho il terrore dei lampadari che dondolano. Mi hai dato da riflettere circa la paura di trovarmi degli uomini nudi in giro per casa.. se mi tiene in ordine la biancheria facendomi guadagnare spazio, potrei anche lasciarcelo quello nella cesta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella cesta potrei venirci io part-time.

      Elimina
    2. Occhio a cosa desideri.. potresti sviluppare una nuova fobia.. tipo da moto perpetuo di moltiplicazione della biancheria.

      Elimina
    3. :) mi son dimenticato di chiederti da cosa nasce la paura dei lampadari dondolanti, trauma da terremoto?

      Elimina
  4. Non tanto da terremoto, quanto da mal di mare.. un po' come salire su una giostra che non ti piace e non poter scendere, la sensazione è quella.

    RispondiElimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.