Pagine

martedì 24 aprile 2018

Dell'olfatto di fido mi fido

È risaputo che i cani hanno un fiuto talmente potente che riescono a capire se sei malato o di cattivo umore.
Nel mio caso appena gli arrivo a tiro capiscono subito che non ho mai trovato uno straccio di morosa per cui mi vengono incontro facendomi le feste e saltandomi addosso con un entusiasmo come a voler dire "dai bello, portarmi al parco, portami al parco che c'è pieno di belle ragazze disinibite!".
Che poi si sa che il loro vero scopo è farsi raccogliere la cacca in pubblico per poi riderne e bullarsi con gli altri colleghi cani.

domenica 22 aprile 2018

Libri pubblicati senza avvertire prima - LA VENDETTA CALDA

LA VENDETTA CALDA
di Melma Sbadiglini
Edizioni Conquibus

Dicono che la vendetta sia un piatto che va servito freddo, niente di più sbagliato.
Sì, bella la lunga attesa tramando la più perfida delle ripicche, ma vogliamo metterla in confronto con un bel pan per focaccia reso all'istante, una rappresaglia immediata, un regolamento di conti al volo?
Questo è il pensiero della protagonista del libro, una rancorosa venticinquenne, bella e provocante sì, ma con un caratterino...
Tra l'altro il libro stesso è una ritorsione dell'editore nei confronti dell'autrice con la quale credeva di aver intrecciato una solida relazione d'amore e invece poi ha scoperto che lei stava con lui solo per farsi pubblicare i libri e intanto lo tradiva in segreto con il sosia di Topo Gigio, per cui per dispetto lui le ha pubblicato sì un libro ma con una copertina bruttissima che le librerie si sono rifiutate da subito di mettere in vetrina. Anche il nome Melma è sbagliato, sarebbe Amelia, ma tant'è.

venerdì 20 aprile 2018

Curriculum vitae europeo

Ogni volta che c'è da aggiornare il curriculum mi chiedo: "ma una colonscopia vale come esperienza formativa?"

venerdì 13 aprile 2018

Ogni volta che ti vedo

Ogni volta che ti vedo, se io fossi un cane, scodinzolerei.
E farei salti alti sulle zampe posteriori mentre con quelle anteriori mi appoggerei a te, per raggiungere una parte più alta, per farti chinare e appoggiare il mio naso freddo sul tuo viso e leccare tutto il possibile.
Ma se fossi il tuo cane tu mi lasceresti a casa di tua madre per poter uscire con il tuo grande amore, che ti ha chiesto subito di uscire, baciandoti sulle scale. 

martedì 10 aprile 2018

Oroscopo per Capricorno ascendente Capricorno

Ho smesso di fare gli oroscopi perché ricevevo minacce di morte (credo tutte da Paolo Fox) ogni volta che avevo Saturno nel mio segno. 
Adesso ricomincio.

Oroscopo di domani per un anonimo di 40 anni residente a Modena, segno zodiacale Capricorno ascendente Scorpione.

Domani, mentre passeggi per le vie del tuo paese, ti si presenta alle spalle Tony Servillo, l'attore de La Grande Bellezza, che ti tira uno schiaffetto sul coppino e poi scappa via ridendo.
Tu, anche se non ti ha fatto tanto male, ti arrabbi moltissimo per il gesto di scherno per cui lo insegui a rotta di collo giù per i vicoli finchè giungi in una piazzetta piena di suoi sosia vestiti tutti come lui nel celeberrimo filmone.
Essendo tu primo cugino col procuratore della repubblica, d'istinto ti verrebbe da farli arrestare tutti. Non farlo, infatti il vero colpevole, che poi è anche il vero Tony Servillo, non è lì in piazza, si è nascosto nel cassonetto sul retro di un locale come fanno nei film americani, per cui se vuoi farti fare un'autografo lo trovi lì.
Poi a voler fare le cose per bene potresti rapirlo e chiedere il riscatto a Salvatores. Salvatores è il regista già premio Oscar che ha in ballo un film con l'attore, per cui di sicuro paga per non far tardare le riprese.
Telefonata a Salvatores: "buongiorno e complimenti per la bella carriera da cineasta, abbiamo rapito il Tony Servillo e vogliamo un milione tutto in monete da un euro!"
E lui: "va bene, non c'è problema, però tagliategli un orecchio per far risultare che prima mi avete fatto spaventare".
La trattativa va talmente a buon fine che, anche per via della sindrome di Stoccolma, instaurerete con l'attore un'amicizia che anche a distanza di anni starete ancora lì a mandarvi gli auguri ogni natale. 

domenica 8 aprile 2018

Libri pubblicati senza avvertire prima - MI SON FATTO TOGLIERE L'AUTOSTIMA DA UN SANTONE INDIANO

MI SON FATTO TOGLIERE L'AUTOSTIMA DA UN SANTONE INDIANO
di Gianni Pendio
Magagna Edizioni

Un affermato uomo d'affari scopre la moglie a letto col benzinaio. Fin qui nulla di strano. Se non fosse che l'uomo d'affari si rende improvvisamente conto che se non fosse stato così sicuro di sé non avrebbe trascurato la moglie dando il loro rapporto per scontato, che tanto uno meglio di lui dove lo trovava? Pertanto si precipita giù in strada, ferma il primo santone che passa, e si fa togliere l'autostima, e visto che c'è anche un po' di amor proprio.

mercoledì 4 aprile 2018

Una riflessione

La mia immagine allo specchio ha il cuore a destra ed è mancina. I miei difetti di destra ce li ha a sinistra e viceversa, e i pochi pregi non li fa vedere. Assomiglia vagamente a qualche mio familiare, a volte si crede meglio di me, a volte il contrario. E fa facce buffe per l'imbarazzo.
La mia immagine allo specchio conosce segreti taglienti che non rivela, per garbo, col groppo in gola.

martedì 27 marzo 2018

Energia pulita

Se io fossi un pannello fotovoltaico tu saresti il Sole, se io fossi una pala eolica tu saresti il vento che soffia forte, sei io fossi una centrale atomica tu saresti la fusione nucleare fredda.
Invece sono una pila ministilo da 1.5 volt già mezza scarica.

martedì 20 marzo 2018

Bella elevata al quadrato

Sei bella che di più non si può. Bella bella bella anche struccata e vestita normale, bella e così simpatica anche sui tacchi, vestita bene ai ricevimenti di nozze; con quella cosa da cartoni animati giapponesi che un momento sei seria e tutta impostata e poi di colpo sternutisci e fai delle espressioni buffe che sembri Hello Spank. Sei bella che non ti scambierei nemmeno con 20 Belen, 10 Megan Fox, 6 o 7 Scarlett Johansson o 2 Jessiche Alba. Ma purtroppo alla maggioranza degli uomini piacciono loro, e io mi devo adeguare per non sembrare quello strano con la passione per quelle che sanno stirare bene le camicie. 

domenica 11 marzo 2018

Un nuovo psicopompo

Mio zio è morto il giorno che Caronte, il traghettatore infernale, ha mollato il lavoro senza avvertire in ditta ed è scappato con tutti gli oboli raccolti dalle anime che si facevano traghettare. Per cui quando è arrivato sulla sponda dell'Acheronte non c'era nessuno che faceva quel bel mestiere lì, e vedendo che c'era da guadagnarci ha deciso subito di farlo lui. Adesso le anime le traghetta mio zio.