Pagine

sabato 29 giugno 2019

Ligabue Luciano - San Siro - 28/06/2019


Il concerto di Ligabue è cominciato con diversi minuti di ritardo, per cui io per protesta gli ho cantato tutte le canzoni in playback! Sì, mentre gli altri del pubblico cantavano a squarciagola io muovevo solo la bocca senza far uscire la voce. Lui appena è venuto a cantare sulla porzione di palco vicino alla mia postazione mi ha visto ed è sbiancato, e si è capito che ci è rimasto malissimo, tanto da pensare per un istante di mollare lì pubblico e bella carriera di cantante per andare a vendere panini con la porchetta davanti agli stadi per le partite di champions. Solo che essendo un serio professionista non l'ha fatto.

Anche quando c'era da saltare io molleggiavo solo sulle gambe per dare l'impressione ma in realtà non staccavo i piedi da terra.

sabato 15 giugno 2019

Godzilla

Secondo alcuni studiosi la testa di Godzilla sarebbe troppo piccola rispetto al resto del corpo per potergli permettere di fare tutte le belle pensate che fa nei film, per cui nella realtà è probabile che farebbe tutto quello che gli dice la morosa senza questionare; al contrario i giramenti di balle sono molto realistici, per cui ci complimentiamo con gli autori.



domenica 21 aprile 2019

Mr. T


Da piccoli si sognava di invitare Mr. T alla nostra festa di compleanno.
Mettere del sonnifero nel suo bicchiere d'aranciata.
E prendergli tutto l'oro.



sabato 2 marzo 2019

Ancora

Si incrinano rapporti come costole sottoposte a un rude abbraccio.


È stata colpa mia? O è il destino?

Appena ti ho detto quella cosa è stato come se il mondo d'improvviso s'interessasse un po' troppo a noi. Ricordo che l'hai notato anche tu.

Ero io quello che cercava di allontanarsi da quel fastidio così assurdo, da quel dolore tipico degli insicuri come me. Mi hai detto che non volevi che mi allontanassi e ho smesso, non sai a che prezzo. Ma adesso sembra che ti allontani tu, come se quella cosa che t'ho detto, che è la cosa più bella che abbia mai detto, quella cosa che purtroppo non ricambi, sia troppa da sopportare. O sia uno scherzo. O un fastidio. E ogni cosa che faccio, dico, scrivo o penso sembra peggiori le cose.

Eppure, nella follia disperata di un sabato pomeriggio di sole in cui galleggio a stento, scopro che tu ci sei. Ancora.

domenica 17 febbraio 2019

AFFONDO

Annaspo discretamente.
Allargo le braccia di fronte all'ineluttabile.
E affondo.




Ma poi torno in superficie.
La regola numero uno: imparare a galleggiare.

martedì 8 gennaio 2019

L'uomo vitruviano di schiena

L'uomo vitruviano visto di schiena era sproporzionato da far paura.
Finalmente scoperto un documento che lo dimostra.


venerdì 4 gennaio 2019

giovedì 3 gennaio 2019

Libri pubblicati senza avvertire prima - MI VEDO DI FREQUENTE

MI VEDO DI FREQUENTE
Gualtiero Convessi
Liquirene Edition
E' la storia di un installatore di specchi, il suo è un lavoro che nessuno vuole fare, vuoi per i 7 anni di iella ogni volta che se ne rompe uno, vuoi perché se uno è un po' narciso passa tutto il giorno a rimirarsi e ad aggiustarsi l'acconciatura e resta indietro col lavoro.
Neanche a dirlo non ha mai trovato uno straccio di morosa. Aveva preso una sbandata per la regina cattiva di Biancaneve, ma neanche tanto, poi ci aveva litigato perché lei voleva che le sostituisse lo specchio difettoso anche se non aveva tenuto lo scontrino, e comunque, parliamoci chiaro, non era più in garanzia.
Finchè un bel giorno lo chiama Scarlett Johansson che ha l'abitudine di farsi i selfie mezza nuda di spalle davanti allo specchio. Lui le chiede subito di fidanzarsi con lui. Lei subito dice no. Poi ci ripensa.

martedì 1 gennaio 2019

Il mio Sole


E' questo qui il mio Sole adesso, le mie vette e i miei sprofondi.
E' il mio ultimo anno, quando vivere ogni giorno come se fosse l'ultimo sarebbe troppo riduttivo.
E' la mia rivincita e al contempo la mia più grande sconfitta.
Il groppo in gola, il batticuore, la lingua contro il palato.
E' il "troppo tardi" e il "comunque non si poteva fare".
E io sono solo un piccolo niente
con un desiderio inappagabile che gli fa da benzina.

sabato 29 dicembre 2018

MÖET *

Che uno si aspetta chissà che e invece il contesto è tutto un altro :(

*MÖET= muoviti, sbrigati. (dialetto bresciano).