Pagine

lunedì 27 luglio 2015

CLOWN

In passato ho lavorato al circo, facevo il clown triste. Entravo in scena con un fiore appassito, dichiaravo di non aver mai avuto la morosa, mi facevo compatire e la gente il giorno dopo si vantava in ufficio di aver assistito allo spettacolo più brutto del mondo.
Poi per un po' venivo annunciato come il clown con le balle girate, entravo in scena con una bicicletta, mi scendeva subito la catena e cominciavo a imprecare contro tutto e tutti, da quelli seduti in prima fila fino al buco dell'ozono. E i bambini: "MAMMA, GUARDA CHE BELLA CRISI ISTERICA CHE HA IN CORSO IL SIGNOR PAGLIACCIO, DA GRANDE VOGLIO DIVENTARE COME LUI!". Per un certo periodo in Italia c'erano più bambini che volevano fare il pagliaccio con le balle girate invece che il calciatore, l'astronauta o il pilota di formula uno. Il ministero dell'istruzione cominciò a preoccuparsi perché i temi dei bambini vertevano tutti su quell'argomento lì: diventare pagliaccio che gli girano i santissimi. Anche trai genitori ci fu il panico perché nessuno voleva mantenere agli studi un figlio che da grande per lavoro si faceva venire i cinque minuti, per cui ci fu un inchiesta parlamentare e con un decreto legge vietarono tale figura di intrattenimento. Adesso per vedere un bello spettacolo di balle girate bisogna andare oltre confine, in Benelux ci sono i clown più bravi.

mercoledì 15 luglio 2015

Senso civico elevato all'ennesima potenza

Gentilissima signorina che serviva il gelato ieri alle 10 di sera, infilo questo biglietto sotto la serranda del suo esercizio commerciale per avvertirla che a causa della sua straordinaria bellezza-barra-avvenenza molti automobilisti che passano si distraggono e sbandano mettendo in pericolo cose, animali e persone. Ho già avvertito i vigili, la prego di contattarmi al numero 338-....... per incontrarci una sera e discutere della questione.

lunedì 13 luglio 2015

Frigoriferi alieni

Tutti i frigoriferi che si vedono in aperta campagna sono stati abbandonati dagli alieni. Anche sul loro pianeta un elettrodomestico rotto costa di più farlo riparare che comprarlo nuovo, quindi tanto vale mollarlo alla prima occasione. Andare all'isola ecologica o avvertire quelli del comune che li vengano a ritirare è troppo pericoloso, non vogliono farsi scoprire. Essi (gli alieni) compaiano verso le 2 o le 3 di notte con un furgone bianco in una zona isolata e scaricano guardinghi i loro bei rottami in mezzo al verde. Di solito gli sportelli li rimuovono perché se no i bambini terrestri giocandoci ci si chiudono dentro, ma anche per non lasciare prove, di solito sul portello c'è il promemoria di fermarsi a comprare la pasta su Alpha Centauri.
I testimoni del misfatto quando fanno denuncia non vengono mai presi sul serio, in paese vengono scherzati e trattati come dei cretinetti. Il governo USA comunque intercetta tali segnalazioni e manda i "men in black" a ritirare i rifiuti ingombranti alieni. I 26000 km quadrati dell'area 51 nel deserto del Nevada sono quasi tutti occupati da frigoriferi extraterrestri, non sono ancora riusciti a farne funzionare uno. Nel 1947 a Roswell non si schiantarono gli alieni, ma ci fu il più grande abbandono di frigoriferi mai avvenuto sulla faccia della terra: 5000 frigoriferi alieni, alcuni ancora in buono stato. Anche con tutti i mezzi dell'esercito ci vollero almeno sei o sette giri per portarli via tutti.

venerdì 3 luglio 2015

Lettere d'amore estive

E' socialmente accettabile scrivere lettere d'amore a torso nudo e con una digestione in corso?
Secondo il Galateo sì, meglio se dichiarato subito in bella calligrafia: "amore mio, ti scrivo a petto nudo dal balcone, ho mangiato come un orso e sudo da far paura...", ma va bene anche dichiararlo velatamente tra le righe per non spaventare troppo la persona amata. Sarebbe buona norma allegare autoscatto con sullo sfondo la vicina che annaffia i gerani e saluta, ma solo se c'è la luce giusta, altrimenti meglio evitare.
Il 90% circa degli uomini scrive le lettere d'amore estive a torso nudo, il 10% in canottiera, ma poi si pente e le butta (la vicina gliele legge e piange); praticamente tutte le missive amorose che giungono a destinazione sono scritte da uomini in condizioni pietose. 
Il 25% degli uomini le pensa sotto la doccia ma poi si dimentica di scriverle perché deve cercare l'accappatoio.