Pagine

lunedì 27 luglio 2015

CLOWN

In passato ho lavorato al circo, facevo il clown triste. Entravo in scena con un fiore appassito, dichiaravo di non aver mai avuto la morosa, mi facevo compatire e la gente il giorno dopo si vantava in ufficio di aver assistito allo spettacolo più brutto del mondo.
Poi per un po' venivo annunciato come il clown con le balle girate, entravo in scena con una bicicletta, mi scendeva subito la catena e cominciavo a imprecare contro tutto e tutti, da quelli seduti in prima fila fino al buco dell'ozono. E i bambini: "MAMMA, GUARDA CHE BELLA CRISI ISTERICA CHE HA IN CORSO IL SIGNOR PAGLIACCIO, DA GRANDE VOGLIO DIVENTARE COME LUI!". Per un certo periodo in Italia c'erano più bambini che volevano fare il pagliaccio con le balle girate invece che il calciatore, l'astronauta o il pilota di formula uno. Il ministero dell'istruzione cominciò a preoccuparsi perché i temi dei bambini vertevano tutti su quell'argomento lì: diventare pagliaccio che gli girano i santissimi. Anche trai genitori ci fu il panico perché nessuno voleva mantenere agli studi un figlio che da grande per lavoro si faceva venire i cinque minuti, per cui ci fu un inchiesta parlamentare e con un decreto legge vietarono tale figura di intrattenimento. Adesso per vedere un bello spettacolo di balle girate bisogna andare oltre confine, in Benelux ci sono i clown più bravi.

13 commenti:

  1. A me fanno tanta tristezza i clown...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quelli che escono in 50 dallo stesso maggiolino?

      Elimina
  2. Ridi pagliaccio.. ;)
    Ho un blog, fai un salto http://pietrosabaworld.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sei troppo ammiccante.

      Elimina
    2. sarà il famoso patriota Pietro Ammicca?

      Elimina
    3. Ho cercato nel www, ma ho trovato solo Pietro Ammicca affarologo appaltologo

      Elimina
    4. non ricordavo il personaggio di Proietti, che aveva gia' fatto il gioco di parole. il riferimento e' a Pietro Micca, eroe del Risorgimento.

      Elimina
    5. Bella la sua ultima frase «alzati, che sei più lungo d'una giornata senza pane», che se ci pensi micca nel nord Italia significa pagnotta di pane. Forte anche Proietti.



      Elimina
  3. Vesti la giubba, conosciuta soprattutto come Ridi, pagliaccio o "Recitar", è un'aria dell'opera Pagliacci di Ruggero Leoncavallo. Viene intonata alla fine del primo atto da Canio, che si prepara per la commedia nel ruolo di Pagliaccio, nonostante abbia scoperto, avvisato da Tonio, il tradimento della moglie Nedda. Quest'aria rappresenta il concetto di "clown tragico", che apparentemente non presenta nessun turbamento, ma che al di fuori del suo ruolo è continuamente frustrato.

    RispondiElimina
  4. Mi riferivo a quest'opera lirica, cantata dai più grandi come Pavarotti, era solo una citazione...scusa se sono sembrato presuntuoso, ho sbagliato a mettere l'occhiolino..ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, hai sbagliato a mettere il link, l'avevo preso per uno spam. :)

      Elimina
  5. Se cambia il governo stai pure certo che riammettono il clown dalle balle girate. E sarà ancora più incazzato. E faranno pure una fiction.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe molto bello uno sceneggiato che mandi in visibilio una nuova generazione di bambini.

      Elimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.