Pagine

giovedì 26 maggio 2016

Un film sulla mia vita

Alla fine del film sulla mia vita si scopre che il mio capoufficio non è mai esistito, ero sempre io in preda a una fase allucinatoria e di sdoppiamento della personalità. Anche la morosa ce l'ho sempre avuta, solo che la trascuravo, per cui a un certo punto lei ha assoldato un sicario per togliermi di mezzo e scappare con il suo nuovo amore: un sosia di Antonio Banderas (nel film interpretato dal sosia di Ricky Martin). Il sicario poi sono sempre io sotto mentite spoglie, solo che lo scopro quando ormai mi sono già organizzato un agguato, fortunatamente all'improvviso arriva mia madre per dirmi che è pronto in tavola, per cui pianto lì tutto e mando i titoli di coda.

10 commenti:

  1. Risposte
    1. Io contavo più sull'orso del festival di Berlino

      Elimina
  2. bello. e qual e' l'attore che ti interpreta?

    RispondiElimina
  3. ...e cosa trovi nel piatto?
    Titoli di coda al pesto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso dare anticipazioni, ma ci sarà un sequel.

      Elimina
  4. grande angelo, finalmente sei riapparso su questi schermi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e in contemporanea sui grandi schermi.

      Elimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.