Pagine

domenica 28 dicembre 2014

La cena della vigilia

Per la cena della vigilia di Natale a casa di mio padre era tradizione mangiare gli spaghetti con le acciughe (versione povera dei bigoli con le sarde), mentre a casa di mia madre si mangiavano i tortelli di zucca senza il ragù di salsiccia. Diversi anni fa litigarono perché mia madre, non ritenendola una cosa importante e dato che a uno dei miei fratelli non piacevano le acciughe, preparò soltanto i tortelli di zucca, ma mio padre si infuriò pretendendo gli spaghetti con le acciughe. Al che mia madre dovette preparare anche quelli. Io, trovandomi a dover scegliere, per non scontentare nessuno, mangiai un piatto di entrambi. Come gesto distensivo mi sembrò molto bello. Da allora faccio sempre così.

Amore mio, quando io e te vivremo insieme, per la vigilia di Natale mangeremo sempre tortelli di zucca e spaghetti con le acciughe come da mia tradizione, più altri due piatti della tua tradizione, dato che anche tu nella tua magnanimità, per tenere buoni i tuoi, avrai sempre mangiato a tua volta i piatti delle loro rispettive tradizioni di famiglia tipo trofie al pesto per tua madre e risotto ai quattro formaggi per tuo padre. Poi ad un tratto sbotterai: “Sono stanca di preparare tutti ‘sti primi piatti per la vigilia! Basta, ti lascio! E comunque è da sette anni che ti tradisco con il mio collega magazziniere, auguri!”.

7 commenti:

  1. Ahahah, delizioso raccontino! In teoria, dovrebbe dettare legge chi cucina. O no? Da me tortellini in brodo di cappone da sempre. Possibilmente finché campo! Non potrei mai mangiare gli spaghetti con le acciughe a Natale, per nessun uomo al mondo.

    RispondiElimina
  2. le storie d'amore basate sul cibo non funzionano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, è verissimo! Quelle basate sulla dittatura gastronomica nemmeno!

      Elimina
  3. Doveroso e divertente aggiornamento di un post che credo di avere già letto;)
    Chissà se anche la volta scorsa -sarebbe interessante verificare!- mi sovvenne la stessa domanda: a quale tradizione gastronomica appartengono gli spaghetti con le acciughe, piatto che non mi gusta pènniente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. X Silvia: i bigoli con le sarde per la vigilia credo siano una tradizione bresciana (zona lago di Garda) arrivata anche nel mantovano di cui forse spaghetti e acciughe sono un adattamento povero.

      Elimina
  4. .. Mentre i tortelli di zucca mi gusterebbero assai ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. X Silvia : a me piacciono molto entrambi.

      Elimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.