Pagine

lunedì 13 settembre 2010

OPEN YOUR HEART... I'M COMING HOME


Hey you, out there in the cold
Getting lonely, getting old

Can you feel me?

(Hey You - Pink Floyd)


Per quanto il sole sia così invitante nessuno verrà ad occupare il posto accanto al mio sul gradino di queste scale che danno sulla strada. La vecchia metafora della strada sbagliata quando la strada sbagliata che nessuno vuol percorrere sono io. Patetica la mia mente si contorce pretendendo di credere che quell'ombra che s'avvicina sia tu, consolandomi, in caso contrario, che non averti è un po' come averti... salvata.

2 commenti:

  1. "Ci sono più cose in terra e in cielo di quante ne sogni la nostra filosofia"

    un modo come l'altro per dire che non si è mai soltanto quello che sembriamo.

    tu ne sei un esempio.

    minaV.

    RispondiElimina
  2. "Ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, di quante ne sogni la tua filosofia" (Shakespear - Amleto - Atto I - Scena V). Questa frase è detta da Amleto al suo amico Orazio che lo sprona a raccontargli del fantasma (lo spirito del padre di Amleto) che ha appena incontrato. Mi sono informato perché non ero, e comunque non lo sono ancora, sicuro di come vada interpretato il tuo commento. Probabilmente hai visto un lato di me che non sospettavi potessi avere e, spero piacevolmente sorpresa, ti sei detta "ma pensa te! chi l'avrebbe detto".

    RispondiElimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.