Pagine

sabato 6 gennaio 2018

Un'epifania per l'Epifania

Al supermercato, mentre col carrello sono ad un passo dal raggiungere la cassa, mi appare Elvis (un Elvis Presley giovane dei tempi migliori).
Il pavimento sotto i nostri piedi diventa a mattonelle alternate bianche e nere, e lui,col suo accento di Memphis che si mangia un po' le parole, dice: “bel gioco gli scacchi: i bianchi, i neri, i pezzi ordinati sulla scacchiera, ogni pezzo che si può muovere solo in un certo modo; ma pochi sanno che ogni 54 anni, in un determinato momento di una determinata partita, c'è un attimo in cui un pezzo può decidere di muoversi come gli pare, per cui nulla è davvero perduto”.
Aveva in mano solo una scatola di spaghetti e un tubetto di pasta d'acciughe per cui l'ho lasciato passare avanti.

Poi nel parcheggio, mentre stavo per andarmene, un cane mi ha parcheggiato di fianco. 

6 commenti:

  1. Era il cane di Elvis che era venuto a prenderlo. Il suo cane autista.

    RispondiElimina
  2. certo che ne succedono di cose strane a Mantova.
    sembra che Elvis lavorasse segretamente per la CIA; non è che tu lavori segretamente per la Pro Loco?
    ma soprattutto: cosa starà tramando la CIA proprio a Mantova?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata un'apparizione, per cui non so se voluta dalla CIA, ultimamente bevo l'acqua della "casetta dell'acqua" che hanno installato nel mio comune, forse è stata quella. Forse anche il cane ne ha bevuta.

      Elimina
    2. sì, decisamente lavori per la Pro Loco

      Elimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.