Pagine

giovedì 5 gennaio 2017

Il messo comunale

Un tempo la tessera elettorale la portava il messo comunale. Ogni tornata elettorale il messo, un uomo distinto coi baffi, passava casa per casa a consegnare il pezzo di carta da presentare al seggio per poter votare. Siccome al nostro paese eravamo tutti poco istruiti gli dicevamo “te che hai studiato e sei informato delle cose della politica tieni pure la scheda e vota per me” e gli si firmava un mandato di procura per farlo votare a nome nostro. Tutto ciò era illegale, il messo per non deludere diceva di sì ma poi per lo stress non dormiva la notte, anche perché aveva un conflitto d'interessi potentissimo essendo anche presidente di seggio, scrutatore, maresciallo dei carabinieri, bidello della scuola elementare, marito del sindaco in carica, figlio del procuratore della Repubblica e sua nonna era stata finalista di Miss Italia.
Non c'è da stupirsi poi se le istituzioni quando lo scoprirono, per non far brutta figura con la comunità europea, non poterono far altro che radere al suolo il paese e farci rapire tutti dagli alieni.


10 commenti:

  1. ormai con la tessera elettorale multipla il messo non viene più a trovarci spesso. ma poi, una volta raccolto tutti i timbri elettorali si vince qualche cosa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, perché altrimenti si incoraggerebbe il ballottaggio e il ribaltamento del governo/giunta comunale ogni due mesi.

      Elimina
  2. Io ero arrivata ad un passo dal premio... Poi mi sono trasferita e ho perso tutti i punti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, non per vantarmi, ma una l'ho già completata.

      Elimina
  3. L'ho proprio completata con il referendum. Dovrò andare all'ufficio elettorale per farmene dare una nuova e così vedo coaa ho vinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, però non ridurti all'ultimo.

      Elimina
  4. Ma gli alieni che ci fanno con un paese di ignoranti?

    RispondiElimina
  5. Il messo che è toccato a me tempo fa, per consegnarmi la lettera per fare lo scrutatore (che ho rimandato indietro perchè davvero non c'ho più voglia di farlo!!!), era una donnona più larga che lunga con una testa rosso fuoco.
    Dov'è l'omino coi baffi!??!!?

    RispondiElimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.