Pagine

domenica 27 settembre 2015

I girasoli di Van Gogh

I girasoli di Van Gogh in realtà non erano suoi, lui li aveva presi in prestito dal vicino ma poi non glieli ha più dati indietro.

8 commenti:

  1. Risposte
    1. In effetti è incomprensibile, andava scritto un po' meglio, ma avevo la cena sul fuoco.

      Elimina
  2. Molto a cuto
    In effetti, quel 'DI' è di troppo.
    Il titolo dobrebbe essere '"i girasoli fregati da VanGogh.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Fregati" mi sembra una parola un po' troppo forte, anche perché lui li ha chiesti in prestito e voleva anche renderli, solo che non si ricordava più dove li aveva messi. Il vicino comunque ne aveva tanti e non si è mai lamentato né li ha chiesti indietro.
      Anche se a scuola nelle ore di diritto non stavo mai attento, so che una cosa dopo un po' che la possiedi diventa tua per usucapione, quindi alla fine sono diventati suoi.

      Elimina
  3. tra l'altro non gli dava mai da bere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è vero, gli lasciava sempre una caraffa piena vicino, ma loro non hanno mai voluto bere perché in casa di estranei si vergognavano.

      Elimina
  4. in realtà la storia ha un suo proseguo: quando il vicino si presentò a casa di van gogh a reclamare i girasoli, essi erano ormai appassiti e così all'artista non restò che placare le rimostranze dell'uomo dandogli il quadro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà i girasoli che appassivano erano quelli nel quadro, come il ritratto di Dorian Gray.

      Elimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.