Pagine

domenica 22 marzo 2015

Bimbi sperduti

Molti genitori hanno preso il vizio di far perdere i figli piccoli nei posti affollati per poi andare a dirlo su radio Deejay. La soddisfazione di raccontare a parenti, amici e perfetti sconosciuti lo spavento e la successiva gioia di ritrovare il figlio perduto è impagabile. “Ci siam fermati un attimo a guardare uno stand e quando ci siam girati Nicolino non c’era più…”. In realtà, se vai a guardare i filmati, hanno fatto su è giù per i padiglioni della Fiera Millenaria di Gonzaga cercando in tutti i modi di far distrarre il pargolo e sparire alla prima occasione, aspettando poi con apprensione che un altoparlante annunciasse “i genitori del bambino Nicola sono pregati di venirlo a recuperare al padiglione 25”.
Purtroppo nella competitiva società moderna se non hai smarrito il figlio almeno una volta in vita tua non sei nessuno. Parallelamente a questa bella moda si è sviluppata anche quella dei bambini che fanno perdere i genitori nel labirinto degli specchi a Gardaland per fare gli smargiassi con la maestra dell’asilo una volta tornati. A questo punto è venuta a crearsi una nuova figura professionale, che è quella che oltre a recuperare i dispersi, ricongiungerli ai propri cari e dare un sostegno psicologico, documenta il tutto con foto e brevi filmati da mettere sui social per farsi compatire. Ovviamente i molti genitori che ci tengono a far perdere il proprio figliame durante una manifestazione importante hanno già comprato i biglietti per l’EXPO 2015. Durante l’EXPO 2015 si è calcolato che verranno smarriti sui 2.500.000 familiari e ne verranno ricongiunti sui 2.700.000, l’organizzazione efficientissima dell’EXPO ricongiungerà infatti, anche contro la loro volontà, diverse migliaia di padri che con la scusa di andare a prendere le sigarette non si erano più fatti trovare.

5 commenti:

  1. Silver Silvan22 marzo 2015 11:30

    Divertentissimo. Complimenti.

    RispondiElimina
  2. potresti portare tuo nipote (se ne avessi uno) a "quel supermercato", smarrirlo e chiedere a "quella cassiera" di lanciare l'allarme. un modo originale per attaccar bottone ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai non lavora più lì, ma tanto il nipote manco ce l'avevo per cui...

      Elimina
    2. potevi travestirti da zingara e rapirne uno direttamente al supermarket

      Elimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.