Pagine

lunedì 7 luglio 2014

Libri pubblicati senza avvertire prima - SPÜSÙR - La pratica del non lavarsi

SPÜSÙR - La pratica del non lavarsi
di Giorgino Giorginich
Maltolto Editore

Anno 2365, le province di Mantova e Brescia, in lotta da millenni, d’improvviso si alleano e conquistano il mondo! Com’è possibile? Tutto ruota attorno all’industria del sapone: ormai germi e bacilli sono stati debellati e i pochi che sono sopravvissuti scappano appena li minacci con un bastone, e allora che senso ha lavarsi ancora? Angelinos Setentaysiete, giovane incensurato che non ha mai trovato la morosa, scopre accidentalmente che una sostanza contenuta nel sapone viene utilizzata per controllare le menti delle persone, grazie ad essa una ristretta cerchia di individui (tutti ex dipendenti della Badedas autoproclamatisi padroni dell’universo) tiene soggiogata l’intera popolazione del globo. Angelinos, insieme a un manipolo di rivoltosi deciderà di smettere di lavarsi, al massimo tenere giusto due o tre foglie di menta e basilico sotto le ascelle, ma non di più.


14 commenti:

  1. La storia non è nuova, ma la copertina è deliziosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuta molto la copertina, tanto che ho voluto fare i complimenti all'autore, si chiama Elios Kalapokilos, e mi ha raccontato che la molletta della copertina è proprio una di quelle usate per stendere i panni da sua madre, la quale per economia ha unito due metà di due diverse mollette che si erano rotte, per questo è bicolore.

      Elimina
  2. Ma i rivoltosi dalla padella nella brace ardente: perché non sanno che menta e basilico sono ogm e contengono...

    RispondiElimina
  3. Al Campo militare del 23° corso A.U.C. di Lecce nel 1959, sperduta sui monti della Sila una compagnia del terzo battaglione, la nona di cui facevo parte, rimase isolata per oltre una settimana. Si trattava di una esercitazione: si configurava la situazione di un reparto sperduto nella jungla inseguito dal nemico. C'era solo un posto dove arrivava la cucina da campo, e cambiava ogni volta e se non la trovavi non mangiavi. Non c'era possibilità di cambiarsi, né di lavarsi.
    Una muta di cani randagi ci seguiva dopo due giorni a cento metri attirati dalla puzza. Puzza di tutto, sudore, vomito e merda, perché a qualcuno era venuto un attacco di dissenteria. Non sapevo che poi qualcuno ci avrebbe scritto un libro. Lo volevo fare io, ma mi sembrava un argomento del menga e non l'ho mai scritto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bah, la trama non sembra corrispondere molto, però non posso escludere che l'autore si stato in gita sulla Sila all'epoca dei fatti.

      Elimina
  4. Sto preparando lo zaino dei libri da portare in vacanza
    Com'è quello che stai leggendo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se intendi "Quello che deve accadere, accade" devo dire che mi è piaciuta solo la parte centrale, però se hai conosciuto la musica dei CCCP, dei CSI e di quello che sono diventati poi forse ti potrebbe interessare. Altrimenti ti consiglio "Agnes Browne mamma" di Brendan O'Carroll, ambientato in Irlanda alla fine degli anni '60, a tratti commovente e a tratti molto divertente; "Una commedia italiana" di Piersandro Pallavicini; ed infine "Dove sono stato, dove sto andando e dove diavolo ho lasciato le chiavi?" di Billy Crystal (autobiografia del comico che fa la parte di Harry nel film "Harry ti presento Sally").

      Elimina
  5. CCCP ... che diavolo è, sembra qualcosa di sovietico ai tempi dell'urss.
    agnes browne credo di averlo già letto, mi piace molto la letteratura irlandese.
    peccato che non me lo ricordi.
    gli altri li prenoto all'istante al prestito on line, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un gruppo punk rock italiano degli anni '80, si dichiaravano filosovietici, infatti CCCP in russo era la sigla che stava per URSS.

      Elimina
    2. ah ecco mi è venuto in mente dove vedevo questa sigla, sui francobolli quando ne facevo collezione.

      Elimina
  6. p.s.
    harry ti presento sally è famoso per una scena che a mio giudizio è più grottesca che divertente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quella del chiassoso orgasmo simulato al ristorante da Meg Ryan è una scena grottesca e imbarazzante ma la battuta successiva della signora del tavolo accanto che dice qualcosa tipo "prendo quello che ha ordinato la signorina" è veramente spassosa.

      Elimina
  7. mio marito è un patito di Meg Ryan :)

    RispondiElimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.