Pagine

lunedì 2 giugno 2014

Il figlio di Giuseppe

Sabato mentre cammino nel parcheggio di un centro commerciale vengo affiancato da un'auto con un tizio che dal finestrino abbassato mi urla "MA NON HAI VISTO CHE TI HO SALUTATO?!". Io, che ero assorto nei miei pensieri, prendo paura, non riconoscendolo il mio istinto paranoico si accende, dai suo modi di sicuro è uno che vuole farmi una truffa.
"Scusa ma non ti conosco" gli dico, mantenendo una certa distanza di sicurezza, che non si sa mai.
E lui: "SONO IL FIGLIO DI GIUSEPPE", come dire: sono il figlio di uno che conosci.
"Non so chi sei..." gli dico e mi allontano come a raggiungere la mia auto altrove, anche se la mia auto è lì a due metri, perché è probabile che mi blocchi mentre salgo e non voglio che mi attacchi la pezza, che poi mi arrabbio: in primo luogo perché vuole fregarmi, secondo perché mi ha creduto un tontolone (va beh, che la faccia ce l'ho) e terzo perché so che pur di levarmelo di torno mi riduco a dargli dei soldi; e quindi c'è il rischio che mi scappi qualche parola cattiva, qualche gesto sgarbato, e se si viene alle mani finisce che le prendo.
Lui se ne va senza aggiungere altro, per cui torno sui miei passi e salgo in auto dandomi del paranoico, che probabilmente era in buona fede e mi ha scambiato per qualcun altro, che sono pessimista e non ho fiducia nel prossimo.
Poi svolto l'angolo, stessa tecnica, sta abbordando un altro che come me non gli dà corda. Mi fermo al negozio di elettronica, tempo due minuti e lo rivedo che gira in cerca di una preda.
Rifletto che ci sarebbe da avvertire la polizia, i carabinieri, qualcuno, ma per dirgli cosa?

Rivedendomi mentalmente la scena poi mi rimprovererò per aver detto "non so chi sei" invece di un più convinto e perentorio "non so chi tu sia!".  

14 commenti:

  1. Mia nonna mi diceva spesso: "A pensar male si fa peccato... ma si indovina!"
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che tua nonna aveva ragione. :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Non gliel'ho chiesto, a mente fredda avrei potuto chiedergli "Giuseppe chi, Garibaldi?"

      Elimina
    2. Pensa che quando se n'è andato ho vagliato tutti i Giuseppe che conoscevo ma nessuno aveva figli di quell'età.

      Elimina
  3. Un lestofante, uno un po' fuori, o un dadaista?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me un furfante. Se per qualche ragione trovava qualcuno che ci cascava, sicuramente gli scuciva dei soldi chiedendo un piccolo prestito con la scusa di aver scordato il portafoglio, che tanto poi ci pensava suo padre a regolare i conti.

      Elimina
  4. azz, io non lo posso fare, mio papà si chiama Natale, sicuramente mi darebbero solo del vischio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al contrario, come nome è ancora più rassicurante.

      Elimina
    2. ma come !!!!! non mi riconosci???

      sono il figlio del Natale !!!!!!!

      mi sa che le risposte sarcastiche si sprecano ....

      Elimina
    3. beh, ma già con "sono figlio di Giuseppe" si potrebbe replicare "ma chi sei, Gesù Bambino?"

      Elimina
    4. è vero! Che poi un po' Pinocchio di sicuro lo era, e anche un po' figlio di.

      Elimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.