Pagine

sabato 17 maggio 2014

Cinciallegra

Nel 2003 sono stato arrestato dalle autorità aeroportuali australiane mentre cercavo di entrare nel loro paese con una cinciallegra svenuta nella valigia. Ho cercato di giustificarmi dicendo che non ce l’avevo messa io, ma non mi hanno creduto.
Secondo me è stato il mio gatto: voleva farmi trattenere all'estero mentre lui si godeva da solo la casa in Italia. Sì, ma se non tornavo chi glieli comprava poi i croccantini? Li ordinava su internet con la mia carta di credito clonata? Vai a capire te a volte come ragionano i gatti.

3 commenti:

  1. Secondo me se fosse stata morta ti avrebbero condannato ai lavori forzati.
    Meno male che era solo svenuta, la cinciallegra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so, in Australia hanno il terrore che la flora e la fauna locale venga contaminata, praticamente se una cinciallegra importata si riproduce con un passerotto australiano c'è il rischio che tutto l'ecosistema crolli.

      Elimina
  2. Capisco.
    Il timore mi pare fondato.

    RispondiElimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.