Pagine

venerdì 13 settembre 2013

Attraverso il vetro

Alle 4.50 di stamattina mi arriva un messaggio del mio capo che mi comunica la nascita poco meno di un 'ora prima del suo secondogenito specificandone peso e lunghezza. Bimbo e mamma stanno bene. Leggo il messaggio poi mi rimetto a letto, penso a quando 13 anni fa è nato il primogenito, l'entusiasmo che avevo per l'attesa e per tutto quello che è venuto. Per questo invece niente. Sì, quando me l'ha detto che era in arrivo sono stato contento però la notizia di questa nuova nascita mi lascia pressoché indifferente. Sarà che le cose sono cambiate anche tra me e il mio capo, una volta si era più in confidenza, ci si frequentava di più anche al di fuori dal lavoro, forse poi è stata proprio la nascita del primogenito con tutto quello che ne è derivato a farci allontanare un po'. Comunque la morosa non ce l'avevo allora come non ce l'ho adesso. Ecco, faccio in tempo a fare quest'ultimo ragionamento, a pensare che se avessi avuto trovato la morosa forse sarei riuscito a frequentarli di più come coppia, ma è un pensiero confuso delle 5 del mattino, poi mi rendo conto che sarebbe buona cosa rispondere al messaggio. Cose smielate suonerebbero orrendamente finte e di circostanza così gli scrivo secco "carnagione?" per via che in ufficio lo si scherzava sulla possibilità che non fosse lui il vero padre e che una carnagione troppo scura ne sarebbe stata un segno inequivocabile. Risposta: "blu/viola". Cos'è, un avatar? Avrei voluto rispondergli ma non avrebbe capito, così me ne sono tornato a letto, ho rimuginato ancora un po', poi mi sono ricordato che dovevo avvertire una collega. Mi sono alzato e ho fatto anche quello. A quel punto mancava un'ora e mezza alla sveglia, ma con tutti quei pensieri di dormire non se ne parlava neanche, così ho messo le cuffie del lettore mp3 e ho aspettato che venisse l'ora di alzarsi.

In ditta c'è l'usanza di annunciare la nascita di un figlio mettendo un cartello sulla porta dell'ufficio, io non l'ho fatto. Quando nacque il primogenito ne feci uno che a me sembrava carino, sobrio ma carino: scritta nera "E' nato Marco" su sfondo azzurro. Poco dopo è arrivata una collega che l'ha tolto e ne ha messo uno fatto da lei sostenendo che il mio sembrava troppo una lapide. Così oggi ho aspettato che qualche collega saccente si prendesse la briga di farlo, ovviamente io l'ho criticata velatamente dato che è assurdo mettere la foto di un bambino presa da internet e che inevitabilmente qualcuno penserà che è la vera foto del nuovo nato mentre invece... Io comunque ho fatto l'origami di un fiocco riciclando una bustona sul cui rovescio c'era una fantasia azzurra, fatto un paio tentativi bruttini ma il terzo era perfetto e l'ho incollato sulla porta sotto l'annuncio. Già al ritorno dalla pausa pranzo alcune colleghe erano cadute nell'equivoco della foto ritenendo che non assomigliasse al padre (e ti credo), noi per chiarire abbiamo scritto "FAC-SIMILE" sulla fronte del neonato fotografato, giusto per chiarire che si trattava solo di un esemplare preso in rappresentanza del nuovo nato. Tutte le colleghe mi hanno fatto i complimenti per il bel fiocco.

Poi stasera sono andato a vedere il bambino, salutato la madre e aspettato un po' mentre amici e parentame facevano complimenti e congratulazioni, dispiacendomi di non provare la stessa gioia che avevo provato 13 anni prima, guardandolo attraverso il vetro e chiedendomi perché non riuscivo a sentire niente. Poi però io e il padre (il mio capo) ci siamo seduti in disparte, lui mi ha raccontato un po' com'era andato il travaglio, di quando poi è nato e tutto il resto, e lì senza darlo a vedere mi son commosso.

Una volta salutato tutti mi son fermato di nuovo a guardarlo, quel piccolo miracolo, attraverso il vetro.

4 commenti:

  1. Alla fine qualcosa si è smosso. Na fotuzza al cartello potevi farla, rido per la scritta facsimile :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio telefonino non fa le foto, e anche se fossi riuscito a scattare una foto con un cellulare credo che sarebbe venuto tutto poco definito e difficilmente la scritta sulla fronte si sarebbe vista, e comunque la bassa definizione non avrebbe reso giustizia alla bellezza del mio splendido fiocco.

      Elimina
  2. alla fine mi è rimasta una curiosità: carnagione?

    RispondiElimina
  3. carnagione chiara come il papà e la mamma (mi aveva risposto blu/viola ma è naturale che un bambino appena nato abbia quel colorito lì). Naturalmente, nonostante ciò, noi continueremo a insinuare dubbi riguardo alla paternità.

    RispondiElimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.