Pagine

venerdì 26 agosto 2011

E ALLA FINE VIENE A PIOVERE

L'estate sta finendo e un anno se ne va cantavano i Righeira molti anni or sono (1985). Io sono uno di quelli che sostengono che il vero capodanno cada (più o meno) il primo di settembre. Si ricomincia a lavorare, ad andare a scuola, i palinsesti radiofonici e televisivi aprono una nuova stagione, stessa cosa anche per i vari campionati sportivi. Le mie ferie estive, quelle due settimane e mezzo che prima di cominciare sembravano infinitamente lunghe sono invece volate e stanno già giungendo al termine. Sono stati giorni in cui il sole qui in pianura non ci ha dato tregua, e in questo momento, guarda caso, ha appena iniziato a piovere. Tutto sommato non è andata male, ho passato estati peggiori. Tornare in ufficio non mi entusiasma un granché, più che altro perché in quest'ultimo periodo ho preso altre abitudini, altri ritmi; ma non credo sarà un grosso problema il ritorno. Ciò che mi è mancato di più in quest'estate è stato il contatto umano, ma anche la pizza e il gelato che per via dei miei disturbi gastrici non ho potuto mangiare, e la birra che per le stesse ragioni non ho potuto bere, e anche correre dato che dopo 15 minuti mi veniva la nausea. Credevo mi sarei abbronzato di più, ma quest'anno il sole mi ha dato più fastidio del solito. E quindi... niente. 

martedì 23 agosto 2011

L'ANIMA DEL COMMERCIO

Il proprietario del cinema multi-sala è entrato nel tunnel dell’usura, per raccattare qualche soldo ormai infila pubblicità ovunque, anche nei popcorn. Ultimamente ha ri-doppiato Captain America pronunciando Capitan Findus al posto del nome del super-eroe, e filetto di merluzzo e bastoncini di pesce invece di raggi vita e siero del supersoldato. In realtà la Findus non paga nulla di contributi promozionali, ma è lui che si piazza davanti all’uscita del cinema e vende i bastoncini surgelati al doppio del prezzo di mercato. Grazie anche a diversi messaggi subliminali la gente non sa resistere e torna a casa con il baule pieno.

domenica 21 agosto 2011

21 AGOSTO

1862 - Emilio Salgari
1952 - Joe Strummer
1967 - Serj Tankian
1977 - Io
1986 - Usain Bolt

martedì 16 agosto 2011

TROPPE DOMANDE

Sempre per disperazione, ma forse stavolta più per curiosità, mi sono iscritto ad uno di quei siti per single che promettono di farti trovare l'anima gemella. Ho scoperto che iscriversi è gratis, e dopo un lungo, veramente lungo, questionario mi sono state proposte una lista di persone da contattare. Ho potuto scegliere tra scrivere un messaggio o iniziare ponendo loro 5 domande scelte da un elenco, io ho scelto le seguenti:

1.La mattina suona la sveglia e tu...
2.Cosa ti fa ridere di più?
3.Devi organizzare un incontro. Cosa proponi?
4.Ti trasferiresti in un'altra città per seguire l'amore?
5.Quale film preferiresti guardare in coppia e perché?

Le ho mandate prima a tre ragazze il cui profilo mi interessava, e dopo un po' di esitazione a tutte, così, un po' a tappetto, per aver almeno più possibilità di essere contattato. Per il momento niente, ho solo notato che per visualizzare la foto delle persone che mi interessano dovrei abbonarmi, e anche per vedere i profili di chi nel frattempo si è interessato al mio profilo. Temo che ci sarà da pagare anche per leggere eventuali risposte, in tal caso mi sa che mi cancellerò, ma non prima di aver mandato questionari e scritto messaggi surreali a chiunque.

Ecco le risposte che darei io alle domande del mio questionario:

1.La mattina suona la sveglia e tu... -Risposta: mi sveglio e la spengo, alla peggio sono già sveglio e avendole preventivamente tolto le batterie simulo io il bip-bip.
2.Cosa ti fa ridere di più? -Risposta: non rispondo, la domanda è troppo personale
3.Devi organizzare un incontro. Cosa proponi? -Risposta: non mi intendo di boxe, comunque credo che il Madison Square Garden possa andare bene.
4.Ti trasferiresti in un'altra città per seguire l'amore? -Risposta: no, ma seguirei l'amore per trasferirmi in un'altra città
5.Quale film preferiresti guardare in coppia e perché? -Risposta: che curiosa, basta, fai troppe domande!!!

venerdì 12 agosto 2011

HO TROVATO LA RISPOSTA

"E la tua vita, Angelo, a cosa la paragoneresti in questo momento?", qualche giorno fa una persona me lo ha chiesto, e così su due piedi non sono riuscito a trovare la risposta che poteva meglio calzare, così ho improvvisato: "se fosse una parte di un libro sarebbe quel paragrafo stucchevole alla fine della prima pagina che ti fa chiudere di botto il libro per non riaprirlo più e semmai regalarlo a qualche amica sperando che se lo perda o si dimentichi di restituirlo. Se fosse un frutto sarebbe un kiwi e più propriamente la parte centrale con tutti i suoi fastidiosissimi semini del cavolo. Se fosse un mezzo di trasporto sarebbe quel trabiccolo per anziani di cui si vede talvolta la pubblicità sulle reti private, quella cosa a metà via tra un motorino elettrico e una carrozzella, che quando la persona anziana se lo vede recapitare a casa, regalo dei figli o dei nipoti, capisce subito che i prossimi passi che gli rimangono sono l'ospizio e la bara. Se fosse una canzone sarebbe "La bella Gigogin" ma cantata al contrario da una muta di cani di razza labrador".

Ora la risposta che meglio si addice l'ho trovata: la mia vita in questo momento è come quei problemi di matematica o geometria impossibili da risolvere perché, per un errore di stampa o per dimenticanza dell'autore, manca un'indicazione indispensabile alla loro risoluzione. Quelli che anche il professore che te li ha assegnati sgomento si deve rassegnare a constatare che non c'è niente da fare: il quadrato costruito sull'ipotenusa non si può calcolare perché è abusivo, occorre attendere almeno il condono dei cateti.