Pagine

martedì 26 luglio 2011

- LET'S DANCE! -NO, THANKS

A ballare mi vergogno, è più forte di me, ho evitato attentamente le discoteche fin da ragazzino. Magari da solo, in particolari momenti di euforia sì, ma in pubblico mai, mi imbarazza tanto che mi vengono i brividi, mi si rizzano i peli sulla schiena PFFFFFF [verso del gatto innervosito].
Guardo gli altri e mi chiedo: ma come fanno?
E poi il tragico è che nei posti con la musica alta, che magari mi piace pure, mi sento a disagio anche a star fermo, tutti gli altri rilassati che se la godono e io che mi irrigidisco mentre sforzandomi almeno di sorridere mi chiedo quanto ancora dovrà durare quella tortura.
E quindi non mi diverte, ma un giorno non molto lontano potrei sorprendervi e scendere in pista sgambettando alla Fred Astaire, eseguire un moonwalk di un quarto d'ora secco e terminare con una spaccata alla Heather Parisi.

martedì 19 luglio 2011

LIBRI

Libri: come sbarazzarsene. Lo so non è bello metterla così, ma il problema è che ingombrano. Per uno come me che legge libri poco impegnativi, principalmente romanzi, è inevitabile giungere al momento in cui si chiede: sentirò mai l’urgenza di leggerli una seconda volta?
Per alcuni la risposta è “sì”, alcuni addirittura li ho riletti diverse volte. Sui trecento circa che possiedo so che ne rileggerei volentieri almeno 5, poi ci sono i vari manuali, dizionari, rimari, grammatiche di italiano, che spesso mi torna utile consultare. Occhio e croce se ne salvano in tutto poco più di 30. E degli altri che ne faccio?
Anni addietro avevo stilato una bella lista da proporre “aggratis”  ai vari colleghi, pochissimi ne approfittarono, tra questi la collega che si era iscritta in tarda età all’università e si sentiva in dovere di circondarsi di libri, i miei 52 classici del ‘900 numerati (a suo  tempo acquistati settimanalmente da me insieme ad un quotidiano)  fanno ora bella mostra di loro sulla sua libreria in perfetto ordine cromatico.
Buttarli non mi va, gettarli, anche se nel bidone della carta, mi sembra un’eresia. Regalarli alla biblioteca comunale sarebbe intelligente, ma la bibliotecaria del mio paese mi è antipatica, e poi ho l’impressione che non abbiano spazio per nuovi libri. L’idea  di abbandonarli in posti strategici tipo sale d’attesa varie, stazioni, corriere, bar, etc., offrire una lettura agli avventori casuali di un posto potrebbe funzionare anche se poi mi sa che i libri finirebbero presto in un cestino. L’idea geniale che mi è venuta tempo fa è questa: i mercatini dei libri. Rapido e geniale, appena arriva la stagione fredda mi nascondo qualche libro sotto al giubbotto arrivo al mercatino dei libri, mi avvicino alla bancarella, fingo di leggere il titolo di un libro e, assicurandomi che il proprietario non mi stia osservando, scarico lì uno dei miei, un furto al contrario insomma anziché prendere e portare via, lascio. Sarà comunque reato? Boh, prima mi informo dal mio avvocato e poi decido.  

sabato 16 luglio 2011

CHAT

Mi iscrivo ad una chat per single, un po' per curiosità e un po' per disperazione, contatto la prima ragazza, 29enne di Milano. Ciao... ciao... come ti chiami ecc...
Mi dice che è single e che ama le persone allegre, cerca emozioni forti. E' un po' scocciata perché io vivo in lombardia e lei vorrebbe contattare persone di fuori, comunque mi chiede qualora ci incontrassimo cosa farei per stupirla.
Sto per rispondere: "OK. Emozioni forti, emozioni forti: ti chiedo di aspettarmi in stazione centrale, scendo gettandomi dal treno e ti sorprendo!" ma mi blocca una finestra con il messaggio "la tua sessione di prova è terminata" se non mi abbono non posso proseguire, intanto lei incalza con la richiesta "e se volessi contattarti telefonicamente mi daresti il tuo cellulare?"

Va, beh, ho troncato e mi sono cancellato, mi sa che era una utente fittizia con risposta automatica.

giovedì 14 luglio 2011

WATCH OUT!

La necessità di salvare le vaschette smista-documenti impilate accanto alla mia postazione di lavoro, che puntualmente rischiano lo sfondamento dovuto al barbaro peso degli avambracci di colleghi sempre alla ricerca di pose comode e disinvolte, mi sono inventato un segnale di divieto. Volendo utilizzare un linguaggio che fosse allo stesso tempo internazionale e comprensibile avevo deciso di scrivere l'avvertimento in inglese ma dato che due termini non li sapevo li ho sostituiti inglesizzando le stesse parole prese dal dialetto mantovano: post, da postàr che vuol dire appoggiare, e gombet, da gombétt che vuol dire gomito. Non troppo sicuro dell'efficacia del messaggio scritto ho aggiunto anche un bel disegno.

sabato 9 luglio 2011

COSI' NON VA

Ragazza per cui segretamente nutro interesse, prima che possa palesarti i miei sentimenti tu sparisci, vai in vacanza in Colorado, ti trasferisci a Kuala Lumpur, parti per lo spazio, varchi la soglia di un’altra dimensione. Eri single fino a ieri ma prima di fare la prima mossa vengo accidentalmente a sapere che ti frequenti con uno, che peraltro conosco, e che addirittura c’è  una cospirazione di amici e colleghi che collabora affinché tu possa cadere tra le sue braccia. Mi inviti al cinema e vado nel panico, cosa vuoi da me? La mia casa in montagna? Un rene? Che ti mantenga agli studi?  Non se ne parla neanche, e comunque non mi freghi, l’ho capito che sono su Candid Camera. Ti invito al cinema, ci vieni con la tua amica brutta, la fai sedere strategicamente tra te e me. Ti sei lasciata col tuo fidanzato storico, ti faccio la corte, scopro che nel frattempo ti sei già messa con uno di vent’anni più vecchio con cui vai subito a convivere. Mi dici che sono speciale e son contento. Mi dici che pensavi fossi solo un amico speciale, al che capisco che essere speciale significa essere solo un povero cretino. Alle medie avevo una cotta per te, quando i nostri sguardi si incrociavano tu mi sorridevi, siamo anche finiti nello stesso gruppo per la ricerca di scienze, senza proferir parola ti guardavo, tu mi guardavi e ridevi, credevo di essere buffo e invece ero proprio il soggetto della ricerca. Alle superiori ti sparai una dichiarazione giusto all’uscita di scuola, perché avevo provato a fartelo capire in altri modi meno diretti ma tu non avevi mai afferrato il concetto, sprizzavi gioia da tutti i pori poi, io svuotato per lo sforzo me ne rallegrai, ma il giorno dopo tutto come prima, come se niente fosse stato detto, io ho provato a prendere il vizio di bere e di fumare ma non ci sono riuscito.

martedì 5 luglio 2011

WIMBLEDON

Dopo un bel rovescio l'atleta lasciò cadere la racchetta e si mise a dar di stomaco: il vomito del tennista.