Pagine

sabato 1 ottobre 2011

DISCORSO

(POST CHE NON HO POTUTO PUBBLICARE PERCHE' AVEVO INTERNET ROTTO)

Ecco il discorso che farò appena eletto sindaco: carissime concittadine e cari concittadini, ringrazio tutti quelli che dandomi la loro fiducia mi hanno votato, ci tengo a dire fin da ora che sarò comunque il sindaco di tutti, ciò non di meno i miei oppositori verranno fucilati a salve su pubblica piazza. Tra i punti principali del mio programma c’è la sicurezza stradale e vi informo che un gruppo di stradini si è già messo all’opera a disegnare nuove strisce pedonali che non potranno più definirsi propriamente zebre in quanto su mio suggerimento verranno disegnate, a pois, tigrate, maculate, a losanghe ed infine mimetiche. Inoltre è già in via di progettazione una rotatoria a due piani al centro della quale verranno posizionati due autovelox fissi, tre semafori e un passaggio a livello. Per quanto riguarda il centro storico ho venduto la torre civica al mio kebabbaro di fiducia, che è ora di finirla di concedere tutti gli edifici più importanti alle banche. Per quanto riguarda i rifiuti e la pulizia delle strade, verranno installati cestini, bidoni e diversi generi di contenitori per la raccolta differenziata ad ogni angolo, in deroga al codice penale chiunque vedrà qualcuno gettare rifiuti al di fuori di tali contenitori avrà l’obbligo, a scelta, di tirargli una pedata nel sedere, prenderlo di peso e infilarlo nel primo bidone disponibile, fargli ingurgitare ciò che ha gettato, investirlo (anche sulle strisce), farlo secco e occultarne il cadavere nel contenitore dell’umido. Per quanto riguarda la recente scoperta di un intricato labirinto di gallerie scavate da un manipolo di nutrie al di sotto del suolo cittadino, è previsto di sfruttare tali gallerie per l’installazione di una mini-metropolitana che si adopererà per portare i bambini a scuola, le nutrie catturate verranno incatenate e obbligate a far girare un perno gigante che servirà a dare energia alla stessa. [D’un tratto da dietro la banda del paese si palesa un drappello di arcieri che scagliano frecce al mio indirizzo. Stupiti insieme agli altri astanti che le frecce attraversino la mia persona lasciandomi incolume si accorgono che quello che si trovano davanti non è nient’altro che il mio ologramma. Io, da in cima al tetto del municipio, ridendo sguaiatamente, lascio tutti basiti gettandomi giù e allontanandomi sparando ragnatele dai polsi alla maniera di Spiderman] .

Nessun commento:

Posta un commento

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.