Pagine

mercoledì 30 marzo 2011

COBRA

Il mio ottico custodisce in una teca nel suo negozio un esemplare di cobra con gli occhiali, l'altro giorno entro in negozio e dico; "scusa, ma mi sembra che il tuo cobra abbia qualcosa di strano oggi" e lui "sì, oggi ha su le lenti a contatto". Mi spiega come avviene l'operazione: in pratica fa venire un incantatore di serpenti direttamente dall'India. Gli paga vitto, alloggio e la prestazione professionale, per il viaggio si arrangia lui. In genere l'incantatore viene in Italia con la vespa insieme ad un suo amico, si danno il cambio, mentre uno guida l'altro dietro dorme e viceversa; comunque viene pagato solo l'incantatore, l'amico si arrangia come può, chiede l'elemosina, si esibisce come fachiro, vende monili importati illegalmente. L'incantatore in genere viene con il suo flauto etnico da incantatore, una volta se l'è dimenticato a casa e ho dovuto prestargli il mio flauto dolce, quello che usavo alle medie con il segno degli incisivi sull'imboccatura; il serpente più di tanto non ci ha fatto caso solo che alla fine era ricoperto di saliva. Come tutti sanno i serpenti sono sordi, pare che un tempo ci sentissero benissimo poi a forza di sentire il solito piripì-piripì hanno optato per una scelta evolutiva di sordità, sia vero o meno non è dato saperlo, nessuno si è interessato mai più  di tanto, e quei pochi hanno fatto una brutta fine. Il serpente reagisce alle vibrazioni che percepisce come minaccia e sembra seguire i movimenti del  flauto come in balia dei voleri dell'incantatore ma in realtà se ti azzardi ad avvicinarti o a fare movimenti strani ti morde senza battere ciglio e buonanotte, ecco perché in genere ogni volta viene un incantatore diverso. Questa operazione di intrattenimento del rettile altro non è che un astuto stratagemma per distrarre il cobra e  permettere al mio amico di versare 20 gocce di un potente sonnifero nell'abbeveratoio del serpente, il quale una volta finito il "balletto", esausto, striscerà svelto ad abbeverarsi, cadendo in breve tempo in un lungo e profondo sonno. Allora entra in gioco l'ottico che in quattro-e-quattr'otto mette le lenti a contatto al cobra e il gioco è fatto. Una volta per ridere gli ha messo quelle colorate che fanno le pupille tonde da cerbiatto, ma ha dovuto toglierle subito perché gli avventori non riuscivano a resistere alla voglia di dargli un buffetto sul naso o fargli una carezza. Com'è come non è il cobra alla fine si sveglia con addosso le lenti, un po' è contento e un po' si dimena per aggiustarsele perché gli lacrimano gli occhi, gli animalisti comunque non dicono niente, chiudono un'occhio perché in negozio gli fanno lo sconto del 30%.

12 commenti:

  1. l'ho sempre detto io che gli incantatori di serpenti non mi incantano

    RispondiElimina
  2. Va là, la tua è tutta invidia!

    RispondiElimina
  3. invidiare il cobra?
    anzi, sono contento di riuscire a mettere le lenti a contatto senza bisogno di fare arrivare un incantatore dall'India, casomai potrei invidiargli le lenti colorate.
    solo che non ho capito se lo sconto del 30% in negozio lo fanno agli animalisti o al cobra.
    in tal caso potrei anche invidiarlo.

    RispondiElimina
  4. lo sconto del 30% è per gli animalisti, il cobra viene pagato in nero come vetrinista

    RispondiElimina
  5. maybe because you've never seen a cobra wearing doe-eyed contact lens?

    RispondiElimina
  6. Se gli animalisti chiudono un occhio meriterebbero lo sconto del 50 e non del 30!

    RispondiElimina
  7. Gli animalisti chiudono un occhio quando fanno la prova della vista, il 50% viene applicato se scelgono di tenerli chiusi entrambi mentre il serpente è lasciato libero in negozio oppure se dichiarano di avere meno diottrie di quelle effettive, poi tanto le lenti vengono sbagliate e tocca rifarle.

    RispondiElimina
  8. Il cobra non èèèè un serpente!
    Volevo scrivere un commento senza animalisti, mi è venuta in mente quella canzone, anche se non mi è mai piaciuta :P

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. conosco la canzone, che peraltro è molto allusiva

    RispondiElimina

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.