Pagine

mercoledì 22 settembre 2010

IL PASSO PIU' LUNGO DELLA GAMBA (LAVASECCO)

I wanna outrace the speed of pain for another day
(The Speed Of Pain - Marilyn Manson)


Mi sono accorto che il lavasecco da cui vado applica uno sconto non dichiarato ai portatori di baffi, per questo anche alcune signore che curano poco la loro estetica, incidentalmente ne usufruiscono a loro insaputa. La titolare, si sa, ha sempre avuto un debole per Clark Gable, lo fa quasi inconsciamente, prima di farti lo scontrino ti guarda in faccia sorniona e se hai i baffi ti abbuona sempre una buona quota. Da qualche tempo in paese tutti hanno cominciato a portare i baffi, anche i bambini, che per questo vengono appositamente sottoposti a cure ormonali. Io, un po’ perché a tenerli mi fanno prurito, un po’ perché sono un tipo alternativo, mi presento in negozio con i baffi disegnati col cerone alla maniera di Groucho Marx, la signora mi osserva per cinque minuti abbondanti ma poi mi fa comunque pagare il prezzo pieno, e appena accenno un “ma come…?” per chiedere spiegazioni mi replica con un “se ne vada subito o chiamo la polizia”. Quando torno a ritirare la montagna di vestiti che avevo lasciato contando su uno sconto consistente, per ripicca, in segno di sprezzo, prendo tutto e lo scaravento nel cassonetto per la raccolta degli indumenti usati che sta proprio davanti al negozio, nel richiudere il cassonetto però mi strappo il deltoide. Faccio causa alla Caritas, dopo due minuti che i miei legali hanno depositato gli atti in tribunale mi suonano alla porta tre funzionari della Caritas, li riconosco perché indossano le pantofole in peluche di Armani Jeans, cercano un compromesso ma io gli chiudo la porta in faccia senza offrire nemmeno un caffè. La notte stessa mi sparisce il cane, lo rivedo in TV la domenica seguente stretto minacciosamente tra le braccia del Santo Pontefice che dal balcone di Castel Gandolfo recita l’Angelus sfoggiando un paio di grossi baffi disegnati col cerone. Lì capisco che forse ho fatto il passo più lungo della gamba.

Nessun commento:

Posta un commento

Allora: 'sto blog ogni tanto si mangia i commenti. Sì, è colpa delle lobby dei potenti che stanno osteggiando la mia crescente popolarità. Siccome sono un cagasotto non mi schiero contro i poteri forti, perciò vi chiedo: PER FAVORE PRIMA DI PUBBLICARE I VOSTRI COMMENTI COPIATELI, COSI' NON VANNO PERSI.
A VOLTE SPARISCONO SENZA UN PERCHE'.
GRAZIE.

In più ho deciso di impostare la moderazione dei commenti.